salta al contenuto

Ricerca altre vendite

Cosa
Procedura
Anno
 
 
Annunci
La ricerca ha prodotto 42 risultati

Composizione crisi da sovraindebitamento

R.G. 1/2022 Fall.

IL GIUDICE in persona della Dr.ssa Michaela Sapio

Letti gli atti del procedimento indicato in epigrafe;

sciola la risera assunta all'udienza del 11/07/2022;

sentite le parti e l'O.C.C.,

esaminata la proposta di piano del consumatore depositata il 14.01.2022;

vista la attestazione di piano e la relazione particolareggiata redatta dal professionista in funzione di organismo di composizione della crisi in data 18.01.2022, successivamente integrata in data 21.01.2022;

ritenuta la propria competenza;

ritenuta la qualità di consumatore dell'istante ai senti e per gli effetti dell'accesso al preente beneficio;

ritenuta la ammissiblità della proposta ai sensi degli art. 7,8,9 della Legge 3/2012, sussistendone i requisiti e in assenza delle condizioni di inammissibilità ivi previste, anche alla luce della relazione dell'O.C.C. in atti;

rilevato che sono stati depositati i documenti di cui all'art. 9 della legge 3.2012;

rilevato che l'O.C.C. ha nella Sua relazione attestato la sostenibilità, fattibilità e convenienza del piano, come proposto dalla istante;

P.Q.M.

OMOLOGA il piano del consumatore depositato agli atti.

Per ogni ulteriore dettaglio si rimanda alla documentazione allegata.

 

 

 

Data Pubblicazione: 17/11/22

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

Beni Mobili

Fallimento 10/2018

Curatore Dott. Giovanni Leva
Giudice Dott.ssa Michaela Sapio

Il giorno 6.12.2022, alle ore 16.00, nello studio del Dott. Giovanni Leva, sito in Corso Garibaldi
n°187 di Isernia, avrà luogo l’esperimento di vendita, senza incanto, dei beni mobili
raggruppati nei 4 lotti che seguono:
 

LOTTO 1
Il lotto è costituito da vari “componenti elettrici ed accessori” indicati da pagina 3 a pagina 7 della “perizia di stima”, nonché da pagina 1 a pagina 3 della tabella (A) di cui alla dettagliata “Tabella di valutazione dei beni”, documenti consultabili presso la Cancelleria fallimentare del Tribunale di Isernia, e/o presso lo studio del curatore Fallimentare, nonché sui vari siti internet www.astalegale.net, www.portaleaste.com e sul portale delle vendite pubbliche.

Prezzo base asta : Euro 29.681,00
Rilancio Minimo : 2 %

 

 

LOTTO 2
Il lotto è costituito da una Macchina avvolgicavi, marca non leggibilem mod.CD 15M3, matricola 0459 anno 2013 mercato CE (Doc.3 foto da 541 a 554 della perizia di stima ), con misuratore e matassatore, ubicato in Isernia alla c.da Le Piane.

Prezzo base asta : Euro 4.536,00
Rilancio Minimo : 2 %

 

 

LOTTO 3
Il lotto è costituito da una Macchina avvolgicavi, marca non leggibile con gruppo misuratore modello e matricola non rinvenibili, ubicato in Sesto campano alla C.da Mazzarello zona Pip (Doc.3 foto da 555 a 557 della perizia di stima ), condizioni appena sufficienti

Prezzo base asta : Euro 2.772,00
Rilancio Minimo : 2 %

 

 

LOTTO 4
Il lotto è costituito da una Macchina avvolgicavi, marca non leggibile con gruppo misuratore mod.0A/10Q/0 60, matricola 1868 anno 2013, ubicato in Sesto campano alla C.da Mazzarello zona Pip (Doc.3 foto da 558 a 562) in condizioni sufficienti.

Prezzo base asta : Euro 5.670,00
Rilancio Minimo : 2 %

 

 

Le offerte di acquisto, in bollo e per ogni singolo lotto di interesse ( l’offerta può riguardare
solo un lotto), dovranno essere presentate in busta chiusa entro le ore tredici del giorno
antecedente la data della vendita, presso lo studio del dott. Giovanni Leva.
 
Maggiori informazioni e qualsiasi altro dettaglio in ordine ai beni in vendita possono essere
fornite a chiunque vi abbia interesse dal professionista delegato presso il suo studio previo
appuntamento telefonico al numero di telefono e fax 0865/411125 – 335/8114085
 

 

 

Data Pubblicazione: 10/10/22

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

 

Composizione crisi da sovraindebitamento

Composizione crisi da sovraindebitamento 3/2022

Oggetto: proposta di accordo di composizione della crisi da sovraindebitamento L.3.2012 - PIANO DEL CONSUMATORE.

Il Tribunale, in persona della d.ssa Michaela Sapio, vista la proposta di accordo per la composizione della crisi da sovraindebitamento - piano del consumatore depositata il 08.07.2022 dal debitore;

esaminata la proposta di accordo di ristrutturazione dei debiti redatto dall'OCC nominato Avv. Sara Nini;

ritenuta la propria competenza in quanto i debitori risulta residente in Monteroduni;

dato atto che la proposta è ammissibile ai sensi dell'art. 7 comma 2 L.3.2012, posto che come riferisce la relazione dell'OCC, in persona dell'OCC Avv. Sara Nini, non risulta che si siano verificate le condizioni di inammissibilità ivi previste;

rilevato che, come riferisce l'OCC, sono stati depositati i documenti di cui all'art. 9 comma 2 L.3.2012;

visto l'art. 10 della L.3.2012;

FISSA udienza per il 24.10.2022 ore 14:00, davanti a sé, per l'accertamento negativo di iniziative o atti fraudolenti in pregiudizio del ceto creditorio.

 

Per ulteriori dettagli si rimanda alla documentazione allegata.

 

 

 

 

Data Pubblicazione: 26/09/22

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

 

Composizione crisi da sovraindebitamento

Registro Generale 224/2016

IL GIUDICE in persona della Dott.ssa Michaela Sapio,

Letti gli atti del procedimento indicato in epigrafe;

sciolta la riserva assunta all'udienza del 11.07.2022;

sentite le parti e l'O.C.C.;

vista la proposta di modifica del piano del consumatore formulata, in data 15.11.2021;

visto il parere positivo dell'O.C.C. in persona della Dott.ssa Evelina Capezzone De Ioannon, iscritta all'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Isernia, con studio in Pesche (IS), alla Via G. Galilei snc, in qualità di O.C.C. giusta nomina in atti;

ritenuta la propria competenza,

ritenuta la qualità di consumatore dell'istante ai sensi e per gli effetti dell'accesso al presente beneficio;

ritenuta la ammissibilità della proposta ai sensi degli art.7,8,9 della Legge 3/2012. sussistendone i requisiti e in assenza delle condizioni di inammissibilità ivi previste, anche alla luce della relazione dell'O.C.C. in atti;

rilevato che sono stati depositati i documenti di cui all'art.9 della legge 3/2012;

rilevato che l'O.C.C. ha nella sua relazione attesato la sostenibilità, fattibilità, e convenienza della modifica del piano, articolantesi in una proposta effettuata dal debitore in sede di udienza, che prevede la riduzione della rata originaria mensile da Euro 665,00 a Euro 400,00 a far data dal mese successivo all'ammissione della proposta e per la durata di 7,5 anni per un totale di Euro 36.000,00 oltre al pagamento delle spese prededucibili, dell'importo complessivo di Euro 3.054,40 mediante n.2 titoli cambiari a favore della Dott.ssa Evelina Capezzone De Ioannon, nelle spiegate qualità di O.C.C. per Euro 2.550,00 per debito residuo, e a favore dell'Avv. Mariatnonietta Mariani per Euro 504,00 per servizi legali, conservando però il proprio unico immobile;

ritenuto che l'inadempimento del debitore non è imputabile a sua colpa, stante la crisi economica causata dalla pandemia sanitaria;

ritenuto che la proposta di modifica del piano consumatore, alla luce di quanto attestato dal professionista in fuzione di O.C.C., nella sua relazione particolareggiata, che qui si condivide, appaia idonea a salvaguardare l'interesse dei creditori in misura non inferiore alla alternativa liquidatoria prospettabile, i quali vedrebbero corrispondersi un trattamento economico più conveniente e più veloce rispetto a quello che riceverebbero dalla vendita giudiziale dell'immobile di proprietà del debitore;

rilevato che non risultano compiuti atti in frode dei creditore né che il debitore abbia colposamente cagionato il proprio sovraindebitamento;

rilevato che la proposta di modifica del piano è stata comunicata, a cura dell'O.C.C., ai creditori, i quali non hanno formulato osservazioni, ad eccezione della Unicredit spa che si è opposta;

rilevato che sono stati eseguito gli adempimenti pubblicitari;

considerato che la legge 3/2012 non ha espressamente previsto un limite massimo di durata delle procedure di composizione della crisi (piano del consumatore, accordo di composizione della crisi, liquidazione del patrimonio).

ritenuta congrua la durata del piano, in relazione alla natura dei crediti e alla capacità economica del ricorrente, come allegato e documentato in atti;

ritenuto di dover omologare il piano come proposto e modificato ai sensi e con gli effetti di cui all'art. 12 ter L.3.2012, fissando la decorrenza dell'obbligo di pagamento a partire dal 1° giorno del mese successivo alla omologa del piano e la scadena dei n.2 titoli cambiari, in atti, alla data del 01.09.2022;

P.Q.M.

OMOLOGA il piano del consumatore, come modificato il 15.11.2021,

Dispone che l'O.C.C., vigili sull'esatto adempimento del piano come modificato, provvedendo a comunicare ai creditori ogni eventuale irregolarità ai sensi dell'art. 13 della Legge 3/2012;

Dispone altresì che si provveda ai pagamenti nei termini e scadenze di cui al piano del consumatore, come omologato in modifica;

Per ulteriori dettagli si rimanda al documento allegato.

 

 

 

 

 

 

Data Pubblicazione: 14/09/22

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

 

Avviso di vendita

GV 854/2022 -R.G.E. n.61 -2017

Giudice: Dott. Vittorio Cobianchi Bellisari

 

Il Giudice dell’Esecuzione,
visti gli atti;
sentite le parti nell’udienza 19/4/2022;
sciogliendo la riserva assunta;
premesso che ad istanza del creditore procedente si è proceduto a pignoramento immobiliare avente ad oggetto la quota indivisa del diritto di proprietà sui seguenti
immobili:

1) Quota pari a 1/6 Abitazione di tipo popolare in Cerro al Volturno(IS), Via della Libertà n.5,
P.T, di vani 2,5 cat. A/4 NCEU F. 35 p. 448, classe 2;
2) Quota pari a 1/6 Fabbricato(stalle, scuderie, rimesse, autorimesse) in Cerro al Volturno(IS),
Frazione Foresta n.10, P.T, cat. C/6 NCEU F. 35 p. 474, classe 1;
3) Quota pari a 1/6 di terreni in Cerro al Volturno(IS):

4) Quota pari a 1/8 Fabbricato (stalle, scuderie, rimesse, autorimesse) in Cerro al Volturno (IS)
Frazione Foresta, P.T, cat. C/6 NCEU F. 35 p. 278, sub. 4, classe 2;
5) Quota pari a 1/8 Fabbricato (magazzini e locali di deposito) in Cerro al Volturno (IS) Frazione
Foresta n. 18, P.T, cat. C/2 NCEU F. 35 p. 283, sub. 3, classe 2;
6) Quota pari a 1/8 Fabbricato (magazzini e locali di deposito) in Cerro al Volturno (IS) Frazione
Foresta n. 18, P.T, cat. C/2 NCEU F. 35 p. 283, sub. 3, classe 2;
7) Quota pari a 1/8 abitazione di tipo rurale, in Cerro al Volturno (IS) Frazione Foresta n. 17, P.2,
cat. A/6 NCEU F. 35 p. 283, sub. 11, classe 2;
8) Quotq pari a 1/8 abitazione di tipo popolare, in Cerro al Volturno (IS) Via Centrale snc, P.T -1,-2,
cat. A/4 NCEU F. 35, p. 283, sub. 12, classe 2;
9) Quota pari a 1/8 di seguenti terreni in Cerro al Volturno(IS);

10) Quota pari a 1/12 dei seguenti terreni in Cerro al Volturno(IS):

11) Quota pari a 1/18 dei seguenti terreni in Cerro al Volturno (IS);

12) Quota pari a 1/18 del terreno sito in Cerro al Volturno (Is) Catasto Terreni F.32 p. 70 consistenza 37 are 90 centiare;
13) Quota pari a 3/180 del terreno sito in Cerro al Volturno (IS) Catasto Terreni F. 45 p. 159 consistenza 56 are 50 centiare;
14) Piena proprietà terreno in Cerro al Volturno (IS) Catasto Terreni F. 35 p. 609 consistenza 1 ara 50 centiare;
15) Quota pari a 166/1000 Abitazione di tipo popolare, in Cerro al Volturno (IS) Via Alcide De Gasperi n. 14, P.T -1, cat. A/4 NCEU F. 35 p. 263, sub. 3 e 4, classe 2;
 
che detto pignoramento risulta trascritto presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari di Isernia a favore del creditore procedente in data 31/1/2018 ai nn. 287 R.G. e 224 R.P.;
 
premesso che il pignoramento ha ad oggetto la quota indivisa di una pluralità di beni e che si è proceduto alla notificazione ai comproprietari dell’avviso di cui agli articoli 599 cod. proc. civ. e 180
disp. att. cod. proc. civ.;
 
RILEVATO
 
che non può procedersi alla separazione in natura della quota spettante al debitore in considerazione del fatto che essa non è possibile per la natura e le caratteristiche del bene;
 
ritenuto che non appare probabile che la vendita della quota indivisa del bene possa essere effettuata “ad
un prezzo pari o superiore al valore” della quota medesima in quanto è notorio che l’interesse per l’acquisto di una quota di bene indiviso si manifesta normalmente per un valore inferiore a quello di mercato;
che, dunque, la vendita della quota risulta in concreto economicamente non conveniente;
 
che, peraltro, nel caso di specie nessuno dei comproprietari ha manifestato interesse per l’acquisto della quota del debitore talché appare difficile ipotizzare il reperimento di qualche acquirente interessato al bene indiviso per un prezzo non inferiore a quello risultante dalla relazione di stima;
 
che, per quanto sin qui considerato, appare opportuno procedersi alla divisione del bene ai sensi dell’art. 600 cod. proc. civ.;
considerato che, poiché non sono presenti tutti gli interessati, è necessario ai sensi dell’art. 181 disp. att. cod. proc. civ. fissare una udienza ed ordinare l’integrazione del contraddittorio;
che la presente ordinanza ha un contenuto in tutto equiparabile a quello di una domanda giudiziale ed è perciò idonea ad essere trascritta ai sensi degli articoli 1113 e 2646 c.c. ,

DISPONE
procedersi al giudizio di divisione del bene staggito.

 
RITENUTO
che, a tale scopo, sia necessario:
a) notificare la presente ordinanza (che ha un contenuto in tutto equiparabile a quello di una domanda giudiziale ed è perciò idoneo ad essere trascritto ai sensi degli articoli 1113 e 2646 c.c.), ai fini dell'integrazione del contradditorio a norma dell'art. 102 c.p.c., a tutti i comproprietari, a tutti i creditori intervenuti, a tutti i creditori iscritti, a tutti coloro che abbiano acquistato diritti sull’immobile ai sensi dell’art. 1113 terzo comma c.c.,qualora non siano presenti all'odierna udienza, a cura della parte più diligente;
b) procedere, a cura della parte più diligente, all'iscrizione a ruolo della causa;
c) procedere, a cura della parte più diligente alla trascrizione del presente provvedimento a favore e contro ciascuno dei comproprietari compreso il debitore;
d) depositare, a cura della parte più diligente, documentazione ipotecaria ovvero relazione notarile sostitutiva per il ventennio anteriore alla data odierna e sul nominativo di ciascuno dei
comproprietari allo scopo di individuare e verificare quali siano i creditori iscritti e gli eventuali aventi causa dai comproprietari.
visto l'art. 181 disp. att. c.p.c
 
FISSA
 
dinanzi a sé quale giudice della divisione l’udienza del 13/12/2022 ore 12:00 per la comparizione delle parti del procedimento esecutivo, dei comproprietari e dei creditori iscritti in relazione
all’intero bene nonché di coloro che abbiano acquistato diritti sull’immobile ai sensi dell’art. 1113 terzo comma c.c. concedendo termine sino a 60 giorni prima dell’udienza per la notificazione della
presente ordinanza ai soggetti sopra indicati che non risultino presenti.

Sospende
il procedimento esecutivo sino alla definizione del giudizio di divisione.
Precisa che nel caso in cui il giudizio di divisione non dovesse essere instaurato nel termine sopra indicato la procedura esecutiva sarà dichiarata estinta
 

Per ulteriori dettagli si rimanda alla documentazione allegata.

 

Data Pubblicazione: 14/09/22

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

 

Beni Mobili

Fallimento 8/2019

Curatore Dott. Antonio Borrelli
Giudice Dott.ssa Michaela Sapio


LOTTO N.2 – Prezzo intero lotto – Euro 18.984,38 oltre iva 22% 4.176,57 per un totale di euro 23.160,95

31 IMPIANTO DI ASPIRAZIONE CON SILOS

Prezzo base asta : Euro 23.160,95
Rilancio Minimo : 2 %

 


LOTTO N.3 – Prezzo intero lotto – Euro 7.119,14 oltre iva 22% 1.566,21 per un totale di euro 8.685,35

32 CABINA VERNICIATURA

Prezzo base asta : Euro 8.685,35
Rilancio Minimo : 2 %

 

 

Le offerte di acquisto dovranno pervenire in busta chiusa entro le ore 12,30 del giorno 10 novembre 2022, presso lo
studio del curatore dott. Antonio Borrelli, sito in Venafro (IS) – via Nicandro Josso, n.6 - piano IV° e potranno essere
consegnate a mano previo appuntamento telefonico. 
 
Le buste saranno aperte presso lo studio del curatore alle ore 17,00 del giorno 11 novembre 2022. L’offerta presentata
è irrevocabile.
L’offerente dovrà presentarsi il giorno ed all’ora previsti per l’apertura delle buste presso lo studio del curatore anche
per partecipare all’eventuale gara.
In caso di unica offerta per il lotto unico o per il singolo bene, il lotto oppure il bene sarà aggiudicato all’unico
offerente la cui offerta sia pari o superiore al prezzo base di asta.
In caso di più offerte valide per il lotto unico o per il singolo bene, si procederà a GARA FRA GLI OFFERENTI con
aggiudicazione all’offerta più alta con rilanci minimi, compreso il primo, obbligatorio, non inferiore al 2% del prezzo
base dell’intero lotto.
Per maggiori informazioni rivolgersi
dott. Antonio Borrelli –via Nicandro Josso n.6, - 86079 Venafro (IS) Tel. 0865 221907 –
mail:borrelli@borrelliepetrecca.it – f8.2019isernia@pecfallimenti.it
 

 

 

Data Pubblicazione: 31/08/22

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

 

Composizione crisi da sovraindebitamento

Composizione crisi da sovraindebitamento 1/2022

Liquidatore Dott.ssa Meri Pellegrino
Giudice Dott.ssa Michaela Sapio


Proposta di accordo di composizione della crisi da sovraindebitamento 1/2022 il Tribunale, in persona della Dott.ssa Michaela Sapio, vista la proposta di accordi per la composizione da sovraindebitamento

Fissa

l'udienza del 26/09/22 ore 14 per l'accertamento negativo di iniziative o atti fraudolenti in pregiudizio del ceto creditorio, in presenza dinanzi al Giudice Delegato al terzo piano stanza 5.

Per maggiori informazioni visionare documenti allegati.
 

 

 

 

Data Pubblicazione: 26/08/22

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

Composizione crisi da sovraindebitamento

Registro Generale 2/2022

OCC: Dott.ssa Meri Pellegrino
Giudice: Dott.ssa Michaela Sapio

Proposta di accordo di composizione della crisi da sovraindebitamento.

Il Tribunale, in persona della d.ssa Michaela Sapio, vista la proposta di accordo per la composizione della crisi da sovraindebitamento;

esaminata la proposta;

ritenuta la propria competenza in quanto i debitori risultano residenti in Isernia;

dato atto che la proposta è ammissibile ai sensi dell'art. 7 comma bis, posto che come riferisce la relazione dell'OCC, in persona della Dott.ssa Pellegrino, non risulta che si siano verificate le condizioni di inamimissibilità ivi previste;

rilevato che, come riferisce l'OCC, sono stati depositati i documenti di cui all'art. 9 comma 2 L.3.2012;

visti gli artt. 7 bis e 10 della L.3.2012 e ssm;

FISSA l'udienza del 26.09.2022 ore 15:00 per l'accertamento negativo di iniziative o atti fraudolenti in pregiudizio del ceto creditorio, in presenza dinanzi al Giudice Delegato al terzo piano stanza 5.

DISPONE che sino al momento in cui il provvedimento di omologazione divenga definitivo, non possono, sotto pena di nullità essere:

iniziate o proseguite azioni esecutive individuali;

diposti sequesti conservativi;

acquistati diritti di prelazione sul patrimonio dei debitori che hanno presentato la proposta di accordo, da parte dei creditori aventi titolo o causa anteriore.

Per ulteriori dettagli si rimanda alla documentazione allegata.

 

 

LOTTO Unico

Data asta : 26/09/22 ore 00:00

 

 

 

 

 

Data Pubblicazione: 10/08/22

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

 

Beni Mobili

Fallimento 6/2010

Curatore Avv. Giampiero Castrataro
Giudice Dott.ssa Michaela Sapio

 

L’ Avv. Giampiero Castrataro, nella propria qualità di Curatore del fallimento in epigrafe
AVVISA
che con provvedimento del 10.5.2022 il Giudice Delegato dott.ssa Michaela Sapio
autorizzava lo scrivente a procedere alla vendita dei beni del suindicato fallimento, ponendo a
base d'asta il prezzo di cui alla migliore offerta d'acquisto;
che la parte dei beni del suindicato fallimento, raggruppati in un unico lotto, consistono in
materiali, minuteria di vario genere (dadi, bulloni, viti, rondelle, di varie forme e dimensioni
ecc.), macchine elettroniche (computers, fax e stampanti), arredi vari per ufficio ( scrivanie,
sedie, tavoli, armadi, scaffali ecc.) elementi ed impianti complementari ecc., il tutto salvo
errori e/o omissioni;
che i beni in vendita sono parte di quelli di cui all' inventario dei beni redatto dal Curatore in
data 25 novembre 2010 e risultano individuati nell'elenco sintetico descrittivo in forma
dattiloscritta al quale si rinvia.
La vendita viene effettuata a corpo e non a misura e, pertanto, le quantità indicate nell'elenco
sono da intendersi come indicative.
Il verbale di inventario deve essere consultato presso la Cancelleria Fallimentare del
Tribunale di Isernia mentre l'elenco sintetico descrittivo in forma dattiloscritta sui siti internet
www.astalegale.it ,www.tribunalediisernia.net e sul portale delle vendite pubbliche.
La procedura fallimentare si riserva, comunque, il diritto di valutare, a suo insindacabile
giudizio, anche offerte diverse dal valore di stima e, quindi, inferiore ad esso.
I beni risultano essere custoditi dal legale rapp.te della società fallita presso e nel capannone
ove era ubicata l’ unità locale ed operativa della fallita e, più segnatamente, alla Zona
Industriale di Sessano del Molise (IS)
 

Il prezzo base della vendita, pari alla somma dei valori indicati nel verbale di inventario
è fissato in € 4.324,40 ( euro quattromilatrecentoventiquattro/40) oltre accesori come per
legge.
La vendita avverrà alle condizioni che seguono.
1) Ferma la descrizione che precede, di cui al verbale di inventario e all'elenco sintetico
in precedenza citato, i beni vengono venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, in un unico lotto, visti e piaciuti, costi di asporto, di smaltimento ed ogni altro
accessorio a carico dell’ acquirente, con espresso esonero della procedura da ogni
responsabilità e garanzia per eventuali vizi o mancanza di qualità. Eventuali vizi,
anche se occulti, mancanza di qualità, difformità o differenza di qualsiasi genere, pure
in termini quantitativi, non potranno in ogni caso dar luogo ad alcun risarcimento,
indennità o riduzione di prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei
beni, né la vendita potrà essere risolta per alcun motivo. Eventuali adeguamenti dei
beni posti in vendita alle norme in prevenzione e sicurezza vigenti, così come le norme
di tutela ecologica ed ambientale e, in generale alle normative vigenti, saranno a carico
dell’ acquirente stesso, sollevando la procedura da ogni responsabilità.

 

Gli interessati devono depositare in busta chiusa la loro offerta d’ acquisto, che si
intende irrevocabile, presso lo studio del Curatore, Avv. Giampiero Castrataro sito in
Isernia alla Via J.F. Kennedy n. 93, entro le ore 12:00 del 28 settembre 2022.

 

In caso di pluralità di offerte, il giorno successivo al deposito delle buste, ovvero il 29
settembre 2022 alle ore 11:00, si terrà un’asta presso lo studio del Curatore, alla quale
sono invitati a presenziare sin da ora tutti gli offerenti, con prezzo base pari all’
importo più alto tra quelli proposti, con offerte in aumento non inferiori a € 500,00 e
tempo di sessanta secondi tra un’ offerta e un’ altra. I beni verranno provvisoriamente
aggiudicati a chi avrà effettuato il rilancio più alto.

 

Per maggiori informazioni contattare il Curatore fallimentare, Avv. Giampiero Castrataro con
studio in Isernia alla Via J.F. Kennedy n. 93 c.a.p. 86170 – TEL/FAX 086526228 – e-mail
giampierocastrataro@hotmail.it indirizzo pec avvgiampiero.castrataro@pecavvocatiisernia.it
 

 

 

 

Data Pubblicazione: 09/08/22

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

 

Beni Mobili

Fallimento 12/2018

Curatore Dott. Vincenzo Maddaloni
Giudice Dott.ssa Michaela Sapio


Il Curatore fallimentare comunica l’interesse a ricevere offerte, con modalità competitive ex art. 107, co. 1, l. fall., irrevocabili d’acquisto dei beni mobili acquisiti all’attivo della procedura fallimentare. Per l’identificazione dei beni in argomento si rinvia alla stima di aggiornamento del valore del 30.06.2022 agli atti della procedura e pubblicata sui siti internet: www.astalegale.net, www.tribunalediisernia.net e sul portale delle vendite pubbliche. I beni oggetto di vendita, risultano stimati in €. 14.032,85, oltre accessori come per legge. Per la vendita di tali beni viene formato un unico lotto, meglio descritto nell'avviso di vendita allegato.
 

La vendita viene effettuata a corpo e non a misura e, pertanto, le quantità indicate nella
perizia di stima e nella tabella di cui sopra sono da intendersi come indicative.
La procedura fallimentare si riserva, comunque, il diritto di valutare, a suo
insindacabile giudizio, anche offerte diverse dal valore di stima e, quindi, inferiore ad
esso.
Ogni interessato dovrà depositare, presso lo studio del Curatore, sito in Isernia, alla Via
Toscana n. 1, la propria proposta irrevocabile di acquisto entro e non oltre le ore 13,00 del
– 14.09.2022.
La vendita viene effettuata a corpo e non a misura e, pertanto, le quantità indicate nella
perizia di stima e nella tabella di cui sopra sono da intendersi come indicative.
La procedura fallimentare si riserva, comunque, il diritto di valutare, a suo
insindacabile giudizio, anche offerte diverse dal valore di stima e, quindi, inferiore ad
esso.
Ogni interessato dovrà depositare, presso lo studio del Curatore, sito in Isernia, alla Via
Toscana n. 1, la propria proposta irrevocabile di acquisto entro e non oltre le ore 13,00 del
– 14.09.2022.
 

L’offerta, riportante il seguente oggetto: “Offerta per l’acquisto dei beni mobili del
fallimento GECO S.p.A.”, dovrà riportare l’indicazione dei dati anagrafici del soggetto
offerente, del prezzo offerto e l’indicazione dell’indirizzo di posta elettronica certificata
(PEC) – in mancanza di una mail -, che verrà utilizzato per le successive comunicazioni.
Gli offerenti dovranno depositare, a garanzia della serietà dell’offerta, a titolo di cauzione,
un assegno circolare intestato a Fallimento GECO S.p.A. di un importo pari al 20% (venti
per cento) del prezzo offerto. La cauzione sarà trattenuta in caso di rifiuto all’acquisto. In
mancanza di deposito cauzionale l’offerta presentata non sarà ritenuta valida.
 

Maggiori informazioni possono essere acquisite presso lo Studio del Curatore in Isernia –
Via Toscana n. 1, tel. 0865.26169 e all’indirizzo PEC del Fallimento:
“f12.2018isernia@pecfallimenti.it”.
 

 

 

 

Data Pubblicazione: 28/07/22

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

 

Beni Mobili

Fallimento 2/2016

Curatore Dott. Marco Di Girolamo
Giudice Dott.ssa Michaela Sapio

Si rende noto che il giorno TREDICI del mese di OTTOBRE dell’anno DUEMILAVENTIDUE alle ore
18,00 presso il proprio studio in Isernia alla Via J. F. Kennedy n.80, avrà luogo la vendita
tramite procedura competitiva ex rt. 107 L. F. dei seguenti beni mobili inventariati all’uopo
stimati in data 23.06.2016.
 


I Beni Mobili, di cui al Lotto Unico, stimati per euro centocinquantacinquemilaquarantanove/16 (€ 155.049,16) oltre IVA come per legge, saranno venduti complessivamente a corpo nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano con una riduzione del 50% rispetto al valore del precedente avviso Primo Esperimento (€ 93.029,50) con un valore a base d’asta di euro quarantaseimilacinquecentoquattordici/75 (€ 46.514,75) oltre IVA come per legge così come previsto dal Programma di Liquidazione del 15.02.2017.
 

Le offerte di acquisto dovranno pervenire in busta chiusa entro le ore tredici (ore 13,00) del
giorno precedente la data di vendita presso lo studio del Curatore Dott. Marco Di Girolamo,
sito in Isernia – Via J.F. Kennedy n.80 – 1° Piano e possono essere consegnate a mano previo
appuntamento telefonico (Mobile +39 335.386739 – Telefax +39 0865.220618).
 

Maggiori informazioni e qualsiasi altro dettaglio in ordine alla vendita dei Beni Mobili – Lotto
Unico, possono essere fornite a chiunque vi abbia interesse dal Dott. Marco Di Girolamo
Telefax. 0865.220618 – 335.386739 nei giorni ed orari di ufficio alla seguente email drmardigir@virgilio.it pec marcodigirolamo@legalmail.it oppure consultando i siti
www.astalegale.net e www.tribunalediisernia.net.

 

 

 

Data Pubblicazione: 21/07/22

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

Beni Mobili

Fallimento 2/2016

Curatore Dott. Marco Di Girolamo
Giudice Dott.ssa Michaela Sapio

 

il giorno NOVE del mese di GIUGNO dell’anno DUEMILAVENTIDUE alle ore 18,00 presso il
proprio studio in Isernia alla Via J. F. Kennedy n.80, avrà luogo la vendita tramite procedura competitiva
ex rt. 107 L. F. dei beni mobili inventariati all’uopo stimati in data 23.06.2016.

I Beni Mobili, di cui al Lotto Unico, stimati per euro centocinquantacinquemilaquarantanove/16
(€ 155.049,16) oltre IVA come per legge, saranno venduti complessivamente a corpo nello stato di
fatto e di diritto in cui si trovano con una riduzione del 40% del valore stimato suddetto
(€ 155.049,16 X 40% = € 62.019,66 riduzione, € 155.049,16 – € 62.019,66 = € 93.029,50 base d’asta) determinando un valore a base d’asta di euro novantatremilaventinove/50 (€ 93.029,50)
oltre IVA come per legge così come previsto dal Programma di Liquidazione del 15.02.2017;
 

Le offerte di acquisto dovranno pervenire in busta chiusa entro le ore tredici (ore 13,00) del
giorno precedente la data di vendita presso lo studio del Curatore Dott. Marco Di Girolamo,
sito in Isernia – Via J.F. Kennedy n.80 – 1° Piano e possono essere consegnate a mano previo
appuntamento telefonico (Mobile +39 335.386739 – Telefax +39 0865.220618).
 

Maggiori informazioni e qualsiasi altro dettaglio in ordine alla vendita dei Beni Mobili – Lotto
Unico, possono essere fornite a chiunque vi abbia interesse dal Dott. Marco Di Girolamo
Telefax. 0865.220618 – 335.386739 nei giorni ed orari di ufficio alla seguente email drmardigir@virgilio.it pec marcodigirolamo@legalmail.it oppure consultando i siti
www.astalegale.net e www.tribunalediisernia.net.
 


 

 

 

 

Data Pubblicazione: 22/03/22

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.